First name is required!
Last name is required!
First name is not valid!
Last name is not valid!
This is not an email address!
Email address is required!
This email is already registered!
Password is required!
Enter a valid password!
Please enter 6 or more characters!
Please enter 16 or less characters!
Passwords are not same!
Terms and Conditions are required!
Email or Password is wrong!

Antivegetativa, Al servicio de su casco

El antifouling o pintura antimanchas tiene por objeto preservar el casco contra los ataques de las algas y las conchas. Para que sea siempre eficaz debe ser renovada cada año.


10_02_Antifouling

Antivegetativa, Al servicio de su casco

El antifouling o pintura antimanchas tiene por objeto preservar el casco contra los ataques de las algas y las conchas. Para que sea siempre eficaz debe ser renovada cada año.


10_02_Antifouling

  1. Il materiale per l'applicazione
  2. Quando dare l’antivegetativa ?
  3. L’efficacia.
  4. Le tipologie di antivegetativa
  5. Les + et les - de chaque famille d'antifouling

Il materiale per l'applicazione

Prima di dare l'antivegetativa bisogna assicurarsi di disporre di tutto il materiale per farlo. Occorrono : spatole per grattare la carena e rimuovere le incrostazioni, spugne abrasive e normali per lavare la carena, pennelli o rulli (prevedere un contenitore dove si possano impregnare i rulli ), nastro per mascherare, guanti, diluente, occhiali ed una tuta protettiva. Potete anche utilizzare un’idropulitrice, ma non sarà in grado di rimuovere tutto, in particolare le concrezioni.
L’idropulitrice è una buona soluzione per pulire la carena subito dopo l’alaggio. Una volta che la barca è a terra si coglierà l’occasione per cambiare gli anodi (procurateveli), verificare gli scarichi, i passa scafo, gli ombrinali e, ovviamente, bisogna avere a disposizione la quantità sufficiente di antivegetativa.
Litri di antivegetativa da applicare


Lunghezza barca Chiglia Chiglia lunga Deriva basculante
Da 5 a 6 metri 2 2,5 1,5
Da 6 a 7 m. 2,5 3 2
Da 7 a 8 m. 3 3,5 2,5
Da 8 a 9 m. 6 7 5,5
Da 9 a 10 m. 7 8 6,5
Da 10 a 11 m. 8 8,5 7,5
Da 11 a 12 m. 11 11,5 10,5
Da 12 a 13 m. 12 13 11,5
Da 13 a 14 m. 14 15 14,5
Da 14 a 15 m. 16 16 15





10_02_Scotch

10_02_Scotch

Quando dare l’antivegetativa ?

Le alghe e gli altri microorganismi si sviluppano quando la temperatura dell’acqua sale (con la bella stagione). Per navigare con una carena pulita, conviene pulire la carena il più tardi possibile, prima di mettere la barca in acqua.

Preparazione della carena. Organizzate il vostro lavoro in funzione dei tempi di applicazione (secondo il prodotto l’intervallo fra una mano e la successiva varia dai 10 minuti a 16 ore) e dei tempi raccomandati per il varo (minimo e massimo dopo l’applicazione dell’antivegetativa). Su una carena già prima trattata con l’antivegetativa, lavate lo scafo subito dopo l’alaggio con un'idropulitrice aiutandovi, se è il caso, con un raschietto. Eliminate il più possibile il vecchio prodotto. Su una carena nuova, occorre sgrassarla con un detergente, irruvidire con una carta abrasiva ad acqua e passare un primer compatibile con la vernice scelta. Prima di passare l’antivegetativa coprite la linea di galleggiamento con un nastro e proteggete allo stesso modo tutte le parti che non dovranno essere dipinte (sonde, anodi…).

Applicazione della vernice.

L’applicazione dell’antivegetativa si fa a rullo o a pennello, ma si può anche utilizzare una pistola per ottenere superfici più lisce per carene da regata. Applicate almeno due mani non tirando troppo

la vernice. Lo spessore crea protezione.

L’efficacia.

E’ difficile scegliere l’antivegetativa più appropriata per voi fra i numerosi prodotti del mercato. Sapendo che l’efficacia è diversa da un porto all’altro (in funzione dell’acqua, della temperatura, dell’inquinamento, ecc), la cosa migliore è vedere quale antivegetativa hanno le barche nel  vostro porto e scegliere quella che ha dato i migliori risultati. Se il risultato che avete ottenuto non vi soddisfa, cambiate marca di prodotto l’anno dopo.
Da sapere
Ci si chiede spesso se le antivegetative sono compatibili fra loro. La risposta è : si , a meno che siano prodotti a base di Teflon (R) o di silicone. In questi casi, per ritornare ad un’antivegetativa standard, bisogna decappare la vecchia.

Le tipologie di antivegetativa

Le antivegetative sono vernici che liberano tossine (biocidi) per ritardare lo sviluppo di alghe e molluschi sulla carena della barca. Nel caso delle autopulenti lo strato di vernice si assottiglia per lo sfregamento dello scafo contro l’acqua. Ciò permette un rinnovamento regolare della superficie attiva che libera i biocidi. Si avrà così una carena perfettamente liscia (ideale per chi cerca il massimo scivolamento). Per la stessa ragione tuttavia è sconsigliata alle barche spesso ferme in porto (acqua stagnante), che restano ferme a lungo o, all'opposto per barche che navigano in zone con forti correnti o per quelle a motore molto veloci (più di 25 nodi). Le antivegetative a matrice dura sono vernici porose che liberano i biocidi gradualmente. La loro durezza assicura un’eccellente resistenza all’usura. Quando il suo principio attivo è esaurito resta uno strato inerte inefficace. Questo prodotto è adatto a tutti i tipi di barche e soprattutto alle barche veloci, a quelle che restano ferme a lungo o soggette a forti correnti. Le antivegetative anti-aderenti, che facilitano lo scivolamento, sono a base di Teflon (R).Vengono applicate in uno strato sottile, duro e ben steso che rende molto difficile l’aderenza di microorganismi. Danno alla carena uno scivolamento ottimale, con minimo attrito; sono molto indicate per le barche da regata.
Le antivegetative “primo prezzo” sono adatte solo per zone a scarso inquinamento e solo se la barca resta in acqua per una sola stagione. Le antivegetative speciali sono adatte per scafi in lega metallica. Si tratta di prodotti senza ossido di rame. Altri prodotti ancora, sono specifici per i piede motore e per le eliche.
Consiglio dell'esperto
“La linea di galleggiamento è la parte che si sporca di più. Date in questa zona, come minimo, 3 strati di antivegetativa”

Les + et les - de chaque famille d'antifouling

Antifouling matrice dure
+ Résiste bien aux agents extérieurs, à l'abrasion, au sable, à l'échouage ou au transport sur remorque.
+ Conseillé dans les zones à marées et pour les grandes traversées.
- Difficile à enlever lors du carénage.

Antifouling auto-érodable
+ S'érode avec la vitesse du bateau (frottement de l'eau).
+ Permet de garder une carène lisse et propre.
+ Matrice dure performance conseillée pour la régate.
- Ne convient pas pour les grandes traversées ou pour les bateaux longtemps
immobilisés.

Antifouling anti-adhérent

+ Dépose un film sur la carène sur lequel les coquillages ne peuvent pas adhérer.
+ Permet de garder une carène lisse et propre.
+ Offre une surface de glisse très performante.
- Nécessite un bateau qui navigue pour rester propre.
- Le retour en arrière vers un antifouling classique demande une grosse préparation de - Le retour en arrière vers un antifouling classique demande une grosse préparation de la carène.